L’organo di controllo e il revisore: l’ETS deve provvedere alla nomina anche se il RUNTS non è operativo

nicole-honeywill-1256993-unsplash

L’art. 30 del CTS prevede l’obbligo di dotarsi dell’organo di controllo per le fondazioni del terzo settore. Le associazioni, invece, devono nominarlo solo se superano certe soglie. In particolare, la nomina è obbligatoria se per due esercizi consecutivi sono superati due dei seguenti limiti:

  • Attivo dello Stato Patrimoniale: € 110.000;
  • Ricavi: € 220.000;
  • Dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 5.

Il successivo art. 31 si occupa della nomina del revisore legale dei conti. La nomina è obbligatoria, sia per le fondazioni che per le associazioni, se per due esercizi consecutivi sono superati due dei seguenti limiti:

  • Attivo dello Stato Patrimoniale: € 1.100.000;
  • Ricavi: € 2.200.000;
  • Dipendenti occupati in media durante l’esercizio: 12.

La nota del Ministero del Lavoro 11560/2020 chiarisce che gli obblighi in questione sono già in vigore, anche se il RUNTS non è ancora operativo.


Stefano Guidantoni, dottore commercialista, revisore legale, associato allo Studio Gagliano & Associati

Elisa Baracchi, dottore commercialista, revisore legale, collaboratore Studio Gagliano & Associati

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su google
Google+
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
Condividi su pinterest
Pinterest

Iscriviti

Rimani aggiornato sulle ultmie novità della Riforma e ricevi i consigli dei nostri esperti

Iscriviti alla nostra newsletter

Rimani aggiornato sulle novità della Riforma e ricevi i consigli e le indicazioni nei nostri esperti